Commenti

Galileo Galilei


Galileo era un fisico, matematico, astronomo e filosofo italiano che ebbe un ruolo unico nella rivoluzione scientifica. Nato il 15 febbraio 1564 nella città di Pisa, in Italia. La sua opera più citata e una delle più rivoluzionarie per il tempo in cui visse è la proposizione della teoria eliocentrica, che descrive un modello dell'universo in cui il sole è il centro immobile, non la terra come si credeva in quel momento.

Era anche responsabile dello sviluppo dei primi studi coerenti sul movimento uniformemente accelerato e sul pendolo. Ha enunciato la legge dei corpi e il principio di inerzia e il concetto di riferimento inerziale, idee precursori della meccanica newtoniana.

Galileo costruì un telescopio rifrattore notevolmente migliorato rispetto a quelli già esistenti all'epoca, consentendo di osservare macchie solari (che gli costarono la vista), crateri sulla luna, fasi di Venere, lune di Giove, anelli di Saturno e innumerevoli stelle della Via Lattea.

Famoso per lo sviluppo delle proprie apparecchiature di ricerca, è attribuito a Galileo la creazione di strumenti come l'equilibrio idrostatico, un tipo di bussola geometrica che ha permesso di misurare angoli e aree, il termometro Galileo e il precursore dell'orologio del nonno. Nel 1614, studiò i metodi per determinare il peso dell'aria, scoprendo che pesa poco, ma non zero come si pensava in precedenza.

Nel 1616, l'Inquisizione (Tribunale del Sant'Uffizio) decretò la teoria eliocentrica, affermando che l'affermazione che il sole è il centro immobile dell'universo era eretica e che la terra si muoveva "teologicamente" sbagliato. Fu convocato a Roma per presentare i suoi nuovi argomenti. Ha quindi avuto l'opportunità di difendere le sue idee davanti al Sant'Uffizio, che ha stabilito che non c'erano prove sufficienti per concludere che la terra si stava muovendo, il che ha spinto Galileo ad abbandonare la sua difesa della teoria eliocentrica. Avendo Galileo insistito per andare oltre con le sue idee, gli fu quindi proibito diffonderle o insegnarle.

La condanna di Galileo fu un tentativo di salvare il geocentrismo chiave dello scolasticismo, la grande sintesi tra la filosofia di Aristotele (IV secolo a.C.) e la dottrina cristiana che dominava il pensiero europeo durante il Basso Medioevo (XI-XIV secolo). La causa è rimasta in archivio per lunghi 350 anni. Solo nel 1983 Papa Giovanni Paolo II ammise gli errori della Chiesa e lo assolse.

Morì l'8 gennaio 1642. Nella città di Firenze, in Italia.


Video: Galileo Galilei (Giugno 2021).