Informazioni

Aristarco di Samo


Aristarco(320 a.C.- 250 a.C.) nacque a Samos, in Grecia. Forse come astronomo, non era così importante come meritava nella storia della matematica fino ai giorni nostri. Per esempio Thomas Heath iniziò il secondo volume della sua storia dei matematici greci con le seguenti parole:

La storia dei matematici ha di norma poca attenzione ad Aristarco di Samo. La ragione, senza dubbio, è che era un astronomo, e quindi si può presumere che il suo lavoro non sarebbe di sufficiente interesse per la matematica. I Greci lo conoscevano meglio e lo chiamavano "Aristarco il matematico".

Certamente, Aristarco era sia un matematico che un astronomo, essendo ampiamente celebrato come il primo a proporre un universo centrato sul sole ed è anche famoso per il suo tentativo pioneristico di determinare le dimensioni e le distanze del sole e della luna. Strato di lampsaco, che ha guidato il liceo aristotelico. Considerato da molti come il Copernico dell'era classica, questo astronomo ha rivoluzionato così tanto l'astronomia che il suo nome è stato attribuito a un cratere lunare.

Le sue conclusioni sull'organizzazione del sistema solare, per quanto semplici, sono ammirate fino ad oggi per la loro coerenza. Fino ad allora, le concezioni più avanzate erano quelle di Pitagora ed Eraclide. Dissero che le stelle erano immobili; che la terra sarebbe al centro dell'universo ma ruoterebbe; e che almeno i pianeti di Mercurio e Venere ruoterebbero attorno al sole.

Aristarco andò oltre, sostenendo che i movimenti di tutti questi corpi potevano essere più facilmente descritti assumendo che tutti i pianeti, compresa la terra, ruotassero attorno al Sole. Questo modello eliocentrico dell'universo era, tuttavia, considerato troppo audace e il suo L'autore è stato persino accusato di insulto religioso. Anche così, la reazione contro di lui non fu così aggressiva come avrebbe spaventato, quasi 2000 anni dopo, Copernico, Keplero e Galileo.

Gli scritti di Aristarco su questo argomento andarono persi e potemmo conoscere le sue idee solo perché furono menzionate da Archimede. Tuttavia, abbiamo avuto accesso ad altre sue opere. Nel suo lavoro sulle dimensioni e le distanze del Sole e della Luna, Aristarco ha cercato di determinare la distanza Terra-Luna dalla distanza Terra-Sole considerando il triangolo formato da queste tre stelle all'inizio della quarta mezzaluna.

Aristarco concluse che il sole sarebbe 20 volte più lontano dalla terra rispetto alla luna, anche se la proporzione reale è di circa 400 volte, la procedura usata era corretta. Gli strumenti di misurazione dell'angolo allora disponibili non hanno permesso di ottenere valori più precisi.

Aristarco cercò anche di calcolare il diametro della luna rispetto a quello della terra, basato sull'ombra proiettata dal nostro pianeta durante un'eclissi lunare. Ha concluso che la luna aveva un diametro tre volte più piccolo di quello della Terra (il valore corretto è 3,7). Con questi dati, ha dedotto che il diametro solare era 20 volte più grande della luna e circa 7 volte più grande della terra.

Perfezionando le misurazioni negli ultimi secoli, ora sappiamo che il diametro della terra non raggiunge il centesimo del solare. Sebbene i loro risultati fossero errori di un ordine di grandezza, il problema stava più nella mancanza di precisione dei loro strumenti che nel loro metodo di lavoro adeguato. Inoltre, anche Aristarco calcolò, più accuratamente di quello degli antichi saggi, la durata di un anno solare. Le inesattezze di Aristarco sono di scarsa importanza per il suo buon senso. Per lui, sarebbe più naturale supporre che la stella più piccola ruotasse attorno alla più grande, non viceversa.

astrolabio
Antico strumento per misurare l'altezza delle stelle sopra l'orizzonte, utilizzato nel Medioevo per scopi astrologici e astronomici.

Fonti: Bibliografia: Dizionario di Biografia scientifica; Biografia in Enciclopedia Britannica;
* Foto tratta da MacTutor History of Mathematics


Video: Aristarco e la distanza del Sole (Giugno 2021).