Presto

Misure di dispersione


Nell'argomento precedente, abbiamo esaminato alcune misure della posizione centrale di una distribuzione di dati. Vedremo ora come misurare la variabilità presente in un set di dati.

Un aspetto importante nello studio descrittivo di un set di dati è la determinazione della variabilità o dispersione di questi dati rispetto alla misura della posizione centrale del campione.

Supponendo che la media, la misura più importante della posizione, sia quella che definisce la misura principale della dispersione: la varianza, indicata di seguito.

Varianza

La varianza è definita come la misura ottenuta sommando i quadrati delle deviazioni delle osservazioni del campione dalla loro media e dividendo per il numero di osservazioni nel campione meno uno.

Deviazione standard

Poiché la varianza implica la somma dei quadrati, l'unità in cui è espressa non è la stessa di quella dei dati. Pertanto, per ottenere una misura della variabilità o della dispersione con le stesse unità dei dati, prendiamo la radice quadrata della varianza e otteniamo la deviazione standard.

La deviazione standard è una misura che può assumere solo valori non negativi e maggiore è, maggiore è la dispersione dei dati.

Maggiore è la variabilità tra i dati, maggiore è la deviazione standard.

Clicca qui per vedere l'esempio 7

Avanti: distribuzione normale


Video: Indici di dispersione (Giugno 2021).